Aiutiamo i cittadini campani a smaltire i rifiuti

Caro Beppe, è molto tempo che ti seguo e condivido il tuo modo concreto e sincero di stimolare le persone a prendere coscienza di se stesse per attivarsi a stabilire dei principi di verità sulla base dei quali poi muoversi per risolvere concretamente i problemi di un paese come il nostro attanagliato dalla corruzione e dallo sconforto.

Ieri ,sfogliando distrattamente un giornale, sono stato colpito dalle immagini della spazzatura in Campania ed in un primo momento mi sono indignato, poi ho dato la colpa alla corruzione dei politici, al loro menefreghismo per qualsiasi cosa che non li riguarda direttamente e via dicendo.

Subito dopo, come un automa, ho continuato a fare altro, a pensare ad altro, convinto meccanicamente che il problema non sono in grado di risolverlo.

In questo modo non ho fatto altro che alimentare quell ipocrisia sottile che vado criticando.

Non è vero che siamo impotenti davanti alle situazioni: come tu ci insegni, non è vero che siamo condannati alla passività ma è vero che possiamo, anche individualmente, cambiare qualcosa magari in modo quasi intangibile.

D’altra parte per cambiare qualcosa bisogna pur iniziare da qualche parte.

Allora la mia idea è questa: faccio un appello a tutti coloro che ti seguono nel tuo Blog affinchè, il prossimo sabato od in un’altra data, ciascuno con la sua macchina, ci diamo appuntamento a Napoli o in un altro paese sommerso dai rifiuti per raccogliere individualmente una certa  quantità  di immondizia per gettarla poi nei cassonetti della propria regione.

Naturalmente questa iniziativa, oltre ad essere simbolica sarebbe anche pratica perchè potrebbe stimolare molte persone a pensare che possiamo, nel nostro piccolo, cambiare le cose ed aiutare non solo con le idee, ma anche con azioni vere, gli altri.

 

Cosa ne pensi?Potresti pubblicare questo appello?

 

un saluto

Emiliano Ranalletta

 

 

 

 

Aiutiamo i cittadini campani a smaltire i rifiutiultima modifica: 2008-02-02T13:35:00+00:00da vic0824
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento